I (“miei”) musei di Boston, Stati Uniti

0

Boston è una città spesso un po’ sottovalutata, che si fa in giornata durante un viaggio a New York. In realtà l’elegante capitale del Massachusetts ha tante cose da scoprire, a partire da alcuni dei suoi musei più famosi. Qui vi racconto qualche cosa sui cinque che sono piaciuti di più a me. Buona lettura!

John F.Kennedy Library and Museum

Iniziamo dal Museum of Fine Arts, uno dei musei più grandi degli Stati Uniti e il più importante museo di Boston dedicato all’arte nazionale e internazionale. Il museo si suddivide in aree: Arte delle Americhe, Arte europea, Arte asiatica, africana e dell’Oceania, Arte antica e infine la Linde Wing for Contemporary Art.
La sezione dedicata all’Arte delle Americhe è il pezzo forte del museo e si sviluppa su un’ala di quattro piani che comprende 53 gallerie con opere che partono dall’epoca precolombiana al XX secolo. Tra le opere maggiori vi segnalo The Daughters of E.D.Boit di John Singer Sargent e Boston Common at Twilight di C.Hassan. La collezione di Arte europea spazia dal Medioevo al Novecento, con opere di Tiziano, Botticelli, Tintoretto, Rembrandt ed un enorme spazio riservato alle opere impressioniste e postimpressioniste di Degas, Gauguin, Renoir e Van Gogh. Ma il fiore all’occhiello è sicuramente rappresentato dalla collezione di dipinti di Monet, la più vasta al di fuori di Parigi. L’Arte asiatica ha il suo culmine nella sala del Tempio Buddista mentre l’Arte antica spazia dal 6000 a.C. al 600 d.C. La Linde Wing for Contemporary Art è la parte più recente del MFA ed è dedicata all’arte contemporanea, con videoinstallazioni, arte multimediale e decorativa. L’opera più emblematica è l’insegna al neon blu di Maurizio Nannucci “All Art Has Been Contemporary” (“Tutta l’arte è stata contemporanea”).
Il Museum of Fine Arts è aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 16.45; il mercoledì e il venerdì la chiusura è posticipata alle 21.45. Il biglietto di ingresso costa 25$ (10$ per i bambini). Per raggiungerlo potete prendere la T (la Metro di Boston) e scendere alle fermate Museum o Ruggles. Il sito del museo è http://www.mfa.org.

Camille Monet con costume giapponese (La Giapponese), Claude Monet, 1876, olio su tela
Maurizio Nannucci “All Art Has Been Contemporary

L’ Isabelle Stewart Gardner Museum si trova in un magnifico palazzetto veneziano, fatto costruire dalla mecenate nel 1902 con blocchi originari fatti arrivare direttamente dalla città lagunare, con lo scopo di mostrare al mondo la sua collezione di arazzi, mobili, tessili, manoscritti e quadri provenienti da ogni parte del mondo. L’edificio è stato poi rinnovato e ampliato da Renzio Piano. La struttura è quindi formata da due blocchi: l’edificio originale in mattoni rossi, con i giardini annessi e con un magnifico Chiostro Spagnolo dall’atmosfera moresca e l’edificio nuovo, costruito in maniera completamente sostenibile (sistema geotermico, uso di materiali locali, sistema d’irrigazione efficiente per i giardini…) e caratterizzato da ampie vetrate che regalano un’illuminazione naturale.
L’ Isabelle Stewart Gardner Museum è aperto dal mercoledì alla domenica, dalle 11.00 alle 17.00; il giovedì la chiusura è posticipata alle 21.00. Il biglietto di ingresso costa 15$. Per raggiungerlo potete prendere la T e scendere alla fermata Museum. Il sito del museo è
https://www.gardnermuseum.org.

Isabelle Stewart Gardner Museum
Isabelle Stewart Gardner Museum: il Chiostro Spagnolo

La Mary Baker Eddy Library e il suo Mapparium sono una delle perle nascoste di Boston. La biblioteca offre la possibilità di vedere mostre legate alla “ricerca del significato della vita e al miglioramento dell’Umanità” ma il suo punto di forza è appunto il Mapparium, un colossale mappamondo – visto dall’interno – composto da vetrate colorate e dall’acustica pressochè perfetta.
La Mary Baker Eddy Library è aperta dal martedì alla domenica, dalle 10.00 alle 16.00. Il biglietto di ingresso costa 6$. Le visite al Mapparium avvengono ogni 20 minuti; non è possibile scattare foto al suo interno. Per raggiungere la libreria potete prendere la T e scendere alla fermata Symphony. Il sito della libreria è https://www.marybakereddylibrary.org.

Mary Baker Eddy Library, Mapparium

Il John F.Kennedy Library & Museum è il sito ufficiale dedicato a JFK, il 35 Presidente degli Stati Uniti. Si tratta di una biblioteca e di un museo inseriti in un meraviglioso edificio di marmo bianco, vetrate altissime che regalano una vista spettacolare sul Boston Harbor, e soffitti alti 35 metri. All’interno del museo si può ripercorrere la vita di JFK.
Il John F.Kennedy Library & Museum è aperto tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.00. Il biglietto di ingresso costa 14$. Per raggiungere il museo, che si trova nella picola penisola di Columbia Point, potete prendere la T e scendere alla fermata JFK/U; da lì, nel piazzale esterno, potete prendere la navetta gratuita che vi porterà nel piazzale del museo (fate attenzione perchè ci sono diversi pulmini che portano in direzioni differenti). In alternativa si può fare una bella passeggiata di un’oretta e mezza partendo da Castle Island e percorrendo l’Harbor Walk. Il sito del museo è https://jfklibrary.org.

John F.Kennedy Library & Museum
John F.Kennedy Library & Museum

L’Edward M.Kennedy Institute for the US Senate è uno spazio dedicato a Ted Kennedy, senatore degli Stati Uniti per quasi 50 anni. All’interno del museo annesso si possono imparare e vivere in maniera interattiva i meccanismi della democrazia americana e del suo iter legislativo, la storia del Senato nel corso degli anni e le possibilità di contributo dei singoli cittadini. In una enorme sala viene riprodotta a grandezza naturale la Camera del Senato.
L’Edward M.Kennedy Institute for the US Senate è aperto tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00. Il biglietto di ingresso costa 16$. Si trova nello stesso piazzale del John F.Kennedy Library & Museum. Il sito del museo è https://emkinstitute.org.

Edward M.Kennedy Institute for the US Senate
Edward M.Kennedy Institute for the US Senate, Camera del Senato
Edward M.Kennedy Institute for the US Senate, Camera del Senato, ufficio di Ted Kennedy

Leave a Comment