Saint Malo, Bretagna, Francia

Saint Malo, alla scoperta della città della Bretagna

0

Cosa vedere a Saint Malo, cittadina cinta da alti bastioni che si affacciano sull’Oceano. tra le principali mete turistiche della Bretagna.

Saint-Malo, Bretagna, Francia

Saint Malo è una piacevole cittadina che sorge al confine tra la Bretagna e la Normandia, nel nord ovest della Francia. Saint Malo ha sempre però mantenuto il suo spirito indipendente, al punto che il motto che la contraddistingue è “Nè francese, nè bretone, sono di Saint Malo“. La cittadina è stata quasi rasa al suolo dai bombardamenti durante la Seconda Guerra Mondiale ma è stata ricostruita alla perfezione, cercando il più possibile di mantenere lo stile architettonico originale.

Scopriamo quindi cosa vedere a Saint Malo!

Saint Malo
Saint Malo

Il cuore della cittadina francese è Intra-Muros, la cittadella fortificata, il cuore storico della città: gironzolando tra i vicoli si possono ammirare i lussuosi palazzi dei mercanti, la Cattedrale, il Castello, mi bastioni e altre piccoli tesori.

Tra i palazzi merita una visita la Maison de Corsaire, nei pressi della Porte Saint-Louis. La casa, ora Hôtel Particulier, fu costruita nel 1725 per François-Auguste Magon de la Lande, armatore e corsaro del re.

La Cattedrale è dedicata a Saint-Vincent e la costruzione dell’edificio originale richiese lunghi secoli di lavoro, dall’XI secolo quasi fino al ‘700. La struttura che ammiriamo oggi è tuttavia stata restaurata in seguito ai bombardamenti. All’interno sono molto belle le vetrate, sia moderne che medievali, e merita una visita la tomba di Jacques Cartier, il navigatore che scoprì il Canada. All’esploratore è stato dedicato anche un museo, che trovate sempre in centro.

Saint Malo

Il Castello, che si trova in Place Chateaubriand, risale al XIV secolo ma sono pochi gli elementi originari; la maggior parte della struttura che vediamo oggi risale al ‘700. All’interno del Castello ci sono alcuni musei, come il Museé de la Ville, dedicato alla storia della città. Se non soffrite troppo di vertigini, salite sulla torre per ammirare il paesaggio circostante (le scale sono ripide, tortuose e piuttosto strette, ma ne vale la pena!).

I bastioni, che circondano e proteggono la città, risalgono al XII secolo, anche se nel tempo hanno subito diverse modifiche. Due sono le porte principali: Porte Saint-Vincent del 1780, che si apre su Place Chateaubriand, e la Grande-Porte, che aveva la funzione di difesa del porto. Partendo da Place Chateaubriand è possibile fare il giro di ronda e ammirare incantevoli scorci sia del centro di Saint Malo che dell’Oceano.

Al di fuori delle mura si possono scorgere alcune strutture costruite nel corso del tempo per difendere la città di Saint Malo dagli attacchi via mare, prevalentemente ad opera degli inglesi. In particolare si può ammirare il Fort National, risalente al 1689 e costruito su uno scoglio di fronte alla spiaggia dell’Eventail. Nelle ore di bassa marea il forte è raggiungibile a piedi, ma informatevi molto bene sugli orari delle maree perchè rischiate di trovarvi bloccati in mezzo all’Oceano! Un’altra isola raggiungibile a piedi è l’Île du Grand Bé; qui si trova la tomba dello scrittore francese Chateaubriand.

Saint Malo

Se siete amanti dei musei, tenete conto che esiste un biglietto cumulativo per visitare i principali. Se invece puntate alla vita di mare in spiaggia, non vi consiglio quelle in prossimità della cittadina, andate a qualche chilometro di distanza. Non perdetevi invece il mercato in Place de l’Herminè il martedì e il venerdì mattina, un trionfo di sapori e profumi! Per gustare infine qualche buon piatto tipico della cucina bretone vi consiglio qualche localino vicino a Plache du Marchè, più defilata rispetto al centro.

Saint Malo

Trovate tutte le foto dedicate alla Francia nel mio spazio Flickr: https://www.flickr.com/photos/borntotravel77/collections/72157683896096273/ oppure qui sul sito: http://www.claudiatoffolon.com/europa/francia/

Se invece volete leggere gli altri posti sulla Francia, date un’occhiata qui sotto!

Leave a Comment