Sentiero delle Ocre

Provenza, Roussillon e il sentiero delle Ocre

Roussillon è un tipico villaggio della Provenza magicamente avvolto da mille sfumature colorate, che possono essere esplorate dal Sentiero delle Ocre.

Roussillon, Sentiero delle Ocre

Il villaggio di Roussillon è uno fra i più caratteristici dell’intera Provenza, reso unico dalle polveri color ocra sospesi nell’aria e depositati su muri delle case e vicoli, che assumono mille sfumature diverse a seconda della luce della giornata. Tutto questo colore dalle sfumature arancioni è contornato dal verde della foresta, dall’azzurro del cielo e dai colori delle decorazioni e dei fiori che rendono Roussillon unico nel suo genere.

Vale sicuramente la pena inserirlo in un itinerario alla scoperta della Provenza.

Roussillon, Provenza

La leggenda di Roussillon e delle Ocre

La leggenda racconta che questa terra divenne rossastra per il sangue versato con il suicidio della bella Sirmonde, sposa di Raymonde d’Avignone. La fanciulla si gettò dall’alto delle falesie per il dolore, dopo che il marito uccise il suo amante, un giovane e aitante trovatore provenzale.

Il sentiero delle Ocre

A poca distanza dal centro del paese si trova il Sentiero delle Ocre, un percorso pedonale che porta alla scoperta della valle. Modellata nel corso di milioni di anni dal sole, dal vento e dalla pioggia, è un vero tripudio di colori, dal rosso all’arancione, al giallo. Tra le zone che si attraversano meritano particolare attenzione la Valle delle Fate e le Falesie dei Giganti.

Ci sono in realtà due sentieri, uno percorribile in mezz’ora e l’altro in un’ora. Entrambi sono ben segnalati da cartelli che lungo il percorso aiutano il visitatore ad ammirare al meglio questa meraviglia della Natura. È un percorso facile e adatto anche a famiglie con bambini. I sentieri sono ricoperti da una polvere sottile, frutto dell’erosione ancora in corso, per cui non aspettatevi di uscirne “lindi e puliti”. Per lo stesso motivo conviene indossare scarpe comode (che poi finiranno in lavatrice). Ultima raccomandazione, fondamentale: è vietato danneggiare le rocce o portarsene via dei pezzi, sabbia rossa compresa.

L’ingresso è a pagamento così come il parcheggio nelle vicinanze (piuttosto caro, ma credetemi, ne vale la pena!).

Le Conservatoire des Ocres et Pigments Appliqués

Nel piccolo centro di Roussillon è possibile visitare l’Ecomuseo dell’Ocra. Al momento è chiuso per le disposizioni Anti-Covid francesi, ma spero che presto possa essere nuovamente visitabile. Per ogni aggiornamento consultate il sito ufficiale (solo in inglese o in francese).


Trovate tutte le foto dedicate alla Francia nel mio spazio Flickr dedicato alla Provenza.

Se invece volete leggere gli altri posti sulla Francia, date un’occhiata qui sotto!

Leave a Comment