La Défense, cosa vedere nel quartiere dei grattacieli di Parigi

Itinerario alla scoperta del quartiere de La Défense, il centro economico e finanziario di Parigi, tra grattacieli e opere d’arte moderna.

Parigi è famosa in tutto il mondo per il suo romanticismo, per l’arte e la cultura; c’è però una zona ai margini del centro che merita di essere esplorata per l’architettura e l’arte moderna, La Défense.

Popolata durante il giorno da schiere di impiegati e uomini d’affari, La Défense è un quartiere prevalentemente commerciale, dove le alte torri di vetro e acciaio ospitano banche, uffici e centri commerciali. Ci troverete sicuramente altri turisti, la zona è comunque piuttosto conosciuta e apprezzata, ma molti meno di quanti se ne possono trovare nel Marais o a Montmartre.

La Défense nacque nel 1958, su decisione del Governo Francese, con lo scopo di creare un quartiere industriale e commerciale in una zona semi-inutilizzata. Il nome fu scelto con riferimento alla statua commemorativa della guerra franco-prussiana, “La Défense de Paris“. Il quartiere fu inizialmente gestito da un comitato appositamente creato, l’EPAD, che gestì l’insediamento delle prime industrie e la creazione dei primi grattacieli. Il primo grattacielo ad essere “popolato” fu la Tour Nobel, che ospita da allora diversi uffici. Successivamente fu costruita la Tour FIAT.

L’Arco de La Défense

Altri edifici interessanti risalgono agli anni Settanta e Ottanta: fra tutti spicca sicuramente l’Arc de La Défense, il cui nome ufficiale è in realtà (tradotto in italiano) “La Grande Arcata della Fraternità”. E’ un monumento cubico, vuoto nella parte centrale, che vuole essere la versione moderna dell’Arc du Triomphe (l’Arco di Trionfo), costruito nel 1983 da un architetto danese. L’intento era quello di iniziare a dare ai parigini e ai turisti delle motivazioni per popolare il quartiere de La Dèfense anche durante i fine settimana, allontanandolo dall’idea di una zona ad uso esclusivo dei lavoratori. L’inaugurazione si è tenuta il 14 luglio del 1989, nel bicentenario della Rivoluzione Francese.

E’ altro 110 metri, largo 108 e profondo 12. E’ completamente di cemento e all’esterno è rivestito di marmo bianco di Carrara, granito grigio e vetro. All’interno ospita uffici governativi, un bistrot, un grande spazio dedicato agli eventi, uno spazio espositivo di fotografia. Sul tetto si trova una enorme terrazza accessibile con uno dei 4 ascensori panoramici da cui si gode una insolita vista di Parigi in lontananza. Immaginate una linea che collega l’Arco di Trionfo, gli Champs-Elysées, l’obelisco di Place de la Concorde e il Museo del Louvre.

Tra gli altri grattacieli c’è la Tour First, l’edificio più alto della Francia e tra i venti più alti d’Europa. Inizialmente alta 159 metri, fu completamente rinnovata tra il 2007 e il 2011 e ora arriva a 225 metri. Da vedere anche la Tour FIAT e il più grande centro commerciale europeo dell’epoca, Les Quatre Temps.

Le opere moderne

Diverse sono le opere di arte moderna sparse per il quartiere, le potete scoprire girando per la zona pedonale. Si possono vedere: la scultura Le Quattro Teste, realizzate in pietra dall’artista londinese Emilie Young, la Fontana Monumentale (Fontaine) di Yaacov Agam con piastrelle a righe coloratissime ed ipnotiche e getti d’acqua a ritmo di musica che si trova nell’Esplanade, il Muro Vegetale all’ingresso del centro commerciale Les Quatre Temps, le due statue di Juan Mirò (Deux personnages fantastiques) che si trovano davanti allo stesso centro commerciale, una fontana a forma di rana (La grenouille), il Lampadario realizzato con migliaia di cristalli Swarovski, il pollice alto 12 metri (Le Pouce) dell’artista César Baldaccini, il ragno rosso (L’Araignée rouge) di Alexander Calder.

Come raggiungere La Defense

Il quartiere de La Defense non si trova a Parigi, ma sorge su parte dei comuni di Nanterre, Courbevoie e Puteaux. E’ comunque inglobato nella città e facile da raggiungere: con la RER A oppure con la metro (linea 1, fermata Eplanade La Défense nei pressi della Fontana, fermata La Défense nei pressi dell’Arco).


Se volete leggere gli altri post sulla Francia, date un’occhiata qui sotto!

Leave a Comment